5 consigli per non rimanere a piedi con la tua startup

 In Mentoring

Sei un giovane che intendi fondare una nuova impresa? Oppure sei già startupper ma non riesci a capire dove sia il problema della crescita troppo lenta della tua azienda?

Ecco cinque indicazioni utili per favorire il tuo successo. Sono consigli validi per qualsiasi tipo di attività, forse in parte già noti ma spesso si dimenticano.

#1 Seguire con attenzione tutto ciò che sta avvenendo nel settore dove si intende operare

Se l’obiettivo è mettere su un’impresa si deve conoscere il più possibile come si muove quel mercato, le norme che lo regolano, quali imprese vi operano. Ottimo sarebbe conoscere anche quali sono le innovazioni possibili o in corso. Il successo se arriverà, riguarda il futuro non il passato. Dove si dirigerà la nuova impresa? Documentarsi è essenziale per evitare errori, duplicazioni o trarre nuove idee di business.

#2 Non basta il lavoro di scrivania. Bisogna conoscere ma anche farsi conoscere

Come? Bisogna essere coraggiosi e intraprendenti. Partecipare ai meeting, alle Fiere, a tutte quelle occasioni dove si possono conoscere nuove opportunità e le persone che possono contribuire ad arricchire la conoscenza e la rete di relazioni utile al successo della propria idea di business.

#3 Coltiva le relazioni che hai stabilito

Realizzare un progetto con poche risorse significa sobbarcarsi di carichi pesanti di lavoro. Durante il percorso si rischia di perdere il contatto con il mondo e di trascurare le relazioni che sono state stabilite. Se non si riesce a farlo di persona è necessario almeno non scomparire dai loro radar. Come? Ci sono mezzi diversi da utilizzare per tener vivo un contatto. Essenziale è permettere a tutti i contatti stabiliti di seguire ciò che si sta facendo.

#4 Mantieni la cultura del progetto.

Se manca la conoscenza degli strumenti di lavoro, si può acquisire facilmente. Ma deve essere presente nel DNA del founder l’attenzione all’analisi, progettazione, pianificazione e realizzazione degli obiettivi di un progetto.

#5 Rispettare i tempi che sono stati previsti per realizzare gli obiettivi intermedi dell’intero percorso.

Il tempo non è un elemento secondario. Mentre un team lavora su un progetto in qualche altra parte del mondo ci sono altre persone che stanno facendo la stessa cosa. Se sono errati i tempi programmati bisogna rimuovere le cause di queste errori. Errare è umano persistere è…folle.

Quando mi trovavo a valutare una startup, dopo aver analizzato i dati relativi al business mi dedicavo a approfondire la conoscenza del team dei founder. Per me, business angel che stava per investire denaro e tempo in una impresa ad alto rischio, era fondamentale capire se i founder su cui stavo puntando seguivano queste cinque linee guida.

Oggi che faccio il mentor di team che affrontano il percorso da idea a start up, consiglio ai nuovi aspiranti imprenditori di osservare queste indicazioni attentamente.

#6 (bonus) Riuscire ad avere un mentor che segue il primo percorso è una grande opportunità, sprecarla sarebbe un peccato.

È essenziale giovarsi dell’esperienza di persone al di fuori dell’azienda, meglio se con esperienza verticale su alcuni settori del business (marketing, PR, business plan). Possono fare la differenza nella scelta della direzione giusta per la tua azienda.

Recent Posts
Contattaci

Se hai bisogno di informazioni, puoi scriverci qui

Not readable? Change text. captcha txt
pitch meeting

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi